Accedi

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi

50 MILIONI DI RISCATTO: LA RICHIESTA DEGLI HACKER A SAUDI ARAMCO, IL PRODUTTORE DI PETROLIO PIÙ GRANDE DEL MONDO

50 MILIONI DI RISCATTO: LA RICHIESTA DEGLI HACKER A SAUDI ARAMCO, IL PRODUTTORE DI PETROLIO PIÙ GRANDE DEL MONDO

La Saudi Arabian Oil Company, nota anche come Saudi Aramco, è il produttore di petrolio più grande del mondo. 

A questo gigante petrolifero sono stati rubati un terabyte di dati aziendali da un gruppo di hacker in un attacco ransomware. Infatti i criminali informatici hanno chiesto un riscatto, per ridare indietro i dati, di ben 50 milioni di dollari in criptovalute.

Nella richiesta di riscatto i criminali hanno anche segnalato di essere disposti a vendere i dati rubati non solo all’azienda proprietaria ma a chiunque fosse disposto a pagare tale cifre. 

Durante un altro attacco, sempre ai danni di Aramco, il virus  “Shamoon” cancellò tre quarti dei dati dell’azienda, sostituendoli con l’immagine di una bandiera americana in fiamme. La società fu costretta a chiudere la sua rete aziendale interna per impedire la diffusione del virus.

Secondo il World Economic Forum, l’80% degli esperti in sicurezza informatica ritiene il ransomware una pericolosa minaccia in crescita. 

Sempre secondo il World Economic Forum, il vero pericolo è per le piccole e medie imprese: se un’azienda così grande come Saudi Aramco ha difficoltà a rispondere a queste enormi richieste di riscatto, come può difendersi una piccola e media impresa?

Se hai una PMI, anche se non ti chiedessero 50 milioni di riscatto, ma una cifra più proporzionata come 50.000€ per riavere indietro i dati sensibili della tua azienda, riusciresti a reggere il danno economico? 

Purtroppo l’unico modo per difendersi dai criminali informatici, quando si ha una piccola e media impresa, è prevenire gli attacchi e assicurarsi contro i danni che ne derivano.  

Per proteggere e assicurare la tua impresa, puoi iscriverti gratuitamente alla nostra piattaforma.

RISORSE PER TE

Scarica la Guida Omaggio

Nella nostra guida imparerai come mettere in sicurezza una piccola o media impresa, dal punto di vista informatico e come proteggerti dagli attacchi su internet.

Articoli correlati

CYBERANGELS: ANCORA PIÙ SICUREZZA GRAZIE ALLA PARTNERSHIP CON POSTE ITALIANE

In questi mesi, Cyberangels ha partecipato ad un'importante competizione tenuta da Poste Italiane e LVenture Group.  Start-up nazionali e internazionali si sono confrontate nello “SME Insurtech - Call for Solutions” con l’obiettivo di presentare soluzioni innovative per il mondo assicurativo da portare sui clienti Poste.

LEAK DELLA GUARDIA DI FINANZA: LE FORZE DELL’ORDINE NON SONO AL SICURO

Circa un mese fa, un criminale informatico non meglio identificato (ma conosciuto in rete come “Dre * d”) ha distribuito gratuitamente ed esposto a chiunque in un forum per la diffusione di data leaks noto come RaidForums dati sensibili della Guardia di Finanza.

IL KNOCK-DOWN DI REvil, ADDIO DEFINITIVO?

Il famoso gruppo di criminali informatici REvil è stato hackerato. L’operazione è stata condotta dall’FBI in collaborazione con agenzie internazionali e ha portato alla cancellazione del sito dal dark web. 

La tua azienda finalmente protetta e sicura.

Offriamo protezione e assicurazione personalizzata sulla tua azienda e sul tuo livello di rischio.
Registrazione gratuita.

Contattaci per maggiori informazioni