Accedi

Condividi
Condividi

IL CASO SIAE: COME HA PERSO LA SFIDA COMUNICATIVA COL PROPRIO PUBBLICO

Anche la SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) è stata vittima di un attacco informatico.  Il 20 ottobre scorso ha subito un attacco di tipo ransomware da parte di Everest Ransom Team.

Un gruppo di Hacker molto attivi, saliti alle cronache per un altro attacco nei confronti del governo americano durante il quale sarebbero stati trafugati un numero cospicuo di passaporti, documenti fiscali e casi giudiziari.

Everest è un gruppo di cyber-criminali che lavora in modo atipico rispetto ad altri team più famosi quali Conti, Revil o LockBit. Ad esempio, in questo attacco ai danni della SIAE i dati non sono stati criptati e resi inutilizzabili, ma sono stati solo esfiltrati, rubati. 

È quindi arrivata la richiesta di riscatto per un importo pari a 3 milioni di dollari. 

SIAE si è prontamente e pubblicamente rifiutata di pagare. Gaetano Blandini, Direttore Generale di SIAE, ha dichiarato: “Per fortuna non sembrerebbero esserci dati economici relativi ad Iban bancari, ma solo dati anagrafici, come carte d’identità, codici fiscali e dati di molti nostri dipendenti”.

Premesso che questa dichiarazione è parzialmente sbagliata perché sono trapelati anche gli IBAN degli associati, quello che colpisce è come ancora oggi, a 5 anni dall’entrata in vigore dal GDPR, vi sia incomprensione del danno economico generato da un evento di questo tipo. 

I dati anagrafici sono una miniera per i cybercriminali e andrebbero conservati come fossero oro prezioso. Infatti Everest, sul suo sito, (https://ransomocmou6mnbquqz44ewosbkjk3o5qjsl3orawojexfook2j7esad.onion.ws/siae/} ha messo in vendita pubblicamente i dati a 500 mila dollari. E nelle ore successive all’attacco sono arrivati anche i primi messaggi di ricatto ai singoli artisti a cui sono stati sottratti i dati, con richieste da 10.000 euro in bitcoin.

In questo caso purtroppo bisogna organizzarsi per cambiare numero di telefono ed e-mail, sostituirli anche nei vari siti web in cui li si utilizza come forma di autenticazione a uno o più fattori. 

È consigliato anche rivolgersi alle autorità di polizia per cambiare carta d’identità, patente e codice fiscale dichiarando quelli precedenti persi o rubati.

Gli attacchi di questo tipo sono sempre più diffusi anche verso le piccole e media imprese, con conseguenti danni economici e d’immagine a volte irreparabili. 

Per questo è importante difendersi, prevenire e assicurarsi contro i criminali informatici. 

RISORSE PER TE

Scarica la Guida Omaggio

Nella nostra guida imparerai come mettere in sicurezza una piccola o media impresa, dal punto di vista informatico e come proteggerti dagli attacchi su internet.

Articoli correlati

Vi presentiamo Cyberangels Premium: da oggi la cybersecurity per le PMI cambia volto!

Abbiamo passato gli ultimi due anni ad interrogarci su cosa sarebbe rimasto tra tutti gli sconvolgimenti che la pandemia ha apportato al nostro modo dì lavorare e di fare business in generale.

La PMI, il PNRR e il rischio Cyber

Abbiamo passato gli ultimi due anni ad interrogarci su cosa sarebbe rimasto tra tutti gli sconvolgimenti che la pandemia ha apportato al nostro modo dì lavorare e di fare business in generale.

CYBERANGELS: ANCORA PIÙ SICUREZZA GRAZIE ALLA PARTNERSHIP CON POSTE ITALIANE

In questi mesi, Cyberangels ha partecipato ad un'importante competizione tenuta da Poste Italiane e LVenture Group.  Start-up nazionali e internazionali si sono confrontate nello “SME Insurtech - Call for Solutions” con l’obiettivo di presentare soluzioni innovative per il mondo assicurativo da portare sui clienti Poste.

La tua azienda finalmente protetta e sicura.

Offriamo protezione e assicurazione personalizzata sulla tua azienda e sul tuo livello di rischio.
Registrazione gratuita.

it_ITIT

Contattaci per maggiori informazioni